skip to Main Content

RINFORZO TRAVATURE

Le strutture in legno sono di grande attualità sia nelle nuove costruzioni che nel restauro.

Il legno è un materiale con una grande tradizione costruttiva ed i centri storici sono pieni di esempi che testimoniano il suo utilizzo in ogni epoca, ma è anche un materiale moderno perché ha un elevato rapporto prestazioni/peso, consente di costruire molto velocemente e rende industrializzabile l’edilizia.

In particolare nel restauro è diventato di notevole interesse l’utilizzo di fibre sintetiche (carbonio) conosciute anche come polimeri fibro rinforzati (FRP) per rinforzare travi in legno.

Gli interventi di adeguamento strutturale che prevedono l’uso di fibre di carbonio hanno principalmente due finalità:

  • Ridurre l’entità della freccia su solai inflessi
  • Recuperare/migliorare la resistenza a trazione delle catene di capriate.

Il loro utilizzo presenta notevoli vantaggi rispetto alle tecniche di restauro che prevedono l’uso di lamine e/o barre in acciaio:

  • il rinforzo della struttura avviene senza aumento di peso (contrariamente a quanto avviene con rinforzi in acciaio);
  • un nastro in carbonio è leggero, non ingombra ed è facile da portare anche su un’impalcatura;
  • con meno manodopera si ottiene un rinforzo più efficace;
  • il rinforzo in carbonio non è soggetto a corrosione e non porta umidità.

L’adesivo che normalmente costituisce anche la matrice degli frp è determinante per l’efficacia dell’intervento di rinforzo.

Le resine epossidiche sono particolarmente adatte all’incollaggio ed all’impregnazione delle fibre di carbonio perchè:

  • presentano un ritiro inferiore allo 0,1 % in fase di indurimento;
  • sono poco sensibili all’umidità;
  • hanno una adesione strutturale al legno;
  • hanno un ottima impregnazione delle fibre.

ESEMPIO DI INTERVENTO 1

Locale: Museo della Misericordia – Anghiari  (centro storico)

 

Rinforzo strutturale con aumento di carico su soffitto in legno con lamine in fibra di carbonio e resine epossidiche.

Sistema di montaggio su faccia a vista  del trave.

Preparazione della sede con piallatura  , stesura di resine e applicazione della lamina.

Rimozione della resina in eccesso ,ripulitura e ripresa del colore.

Questo sistema permette un rinforzo e un aumento del carico sulle travi  con un notevole (50%)risparmio di materiali (una sola lamina centrale anziché una per lato).

Rimane invece a vista la lamina quindi tecnica adatta a travature da controsoffittare e/o travature rustiche e meno visibili (cantine ; soffitte).

ESEMPIO DI INTERVENTO 2

Locale: privato adibito a mensa

 

Aumento di carico su soffitto in legno con lamine in fibra di carbonio e resine epossidiche .

Sistema di montaggio con taglio longitudinale seguendo dove è presente la curvatura del trave.

Preparazione della sede con indurente e consolidante, applicazione di resine e inserimento della lamina.

Rimozione della resina in eccesso ,ripulitura e ripresa del colore.

Questo sistema permette un rinforzo e un aumento del carico sulle travi  senza comprometterne il suo naturale aspetto esteriore e la sua storicità.

Back To Top